lettura del testo stampa flyer a5

Per garantire la leggibilità di un testo non bisogna pensare che sia necessario solo che le parole sia quelle giuste e che siano combinate bene. Un testo può risultare di difficile lettura anche quando è formattato male, vale a dire quando le scelte grafiche sono sbagliate. Di seguito vediamo quali sono i 7 errori da evitare:

1. Interlinea scorretta
L’interlinea è lo spazio tra due righe di testo. Non esiste una regola precisa che stabilisca di quanto debba essere, ma è necessario usare il giusto equilibrio. Insomma, per l’interlinea vale il detto “In medio stat virtus” (la virtù sta nel mezzo). Un’interlinea troppo stretta, infatti, crea un testo troppo compatto rendendo difficoltosa la lettura del testo stesso; una troppo ampia, invece, crea degli stacchi inutili ed antiestetici. Va detto però che spesso la scelta dell’interlinea è influenzata dal tipo di supporto utilizzato: nella stampa di libri avremo spazio a sufficienza, quindi l’interlinea potrebbe essere di due tre punti maggiore del corpo, ma nella stampa di flyer a5 o di locandine, dove lo spazio non è molto, si forzerà la capienza con un’interlinea ridotta.

2. Non comprendere la differenza tra Kerning (crenatura) e Tracking (spaziatura).
Esistono coppie di lettere specifiche che, per il loro orientamento, con una spaziatura normale creerebbero un distacco maggiore e non simmetrico rispetto a quello delle altre lettere. In questo caso è bene utilizzare il Kerning, che è uno spazio ridotto, mentre per le altre lettere va usato il Tracking.

3. Errori di Tracking
Di norma si interviene sulla spaziatura per evitare che una parola inizi in una riga e finisca nella successiva oppure per arrivare ad un numero stabilito di righe. L’utilizzo è lecito ed anche molto utile, ma anche in questo caso è bene non esagerare al fine di non compromettere la leggibilità del testo.

4. Scegliere font diversi
Non è raro che all’interno di un unico testo vengano scelti molti font diversi e questo rappresenta un errore decisamente grossolano. Sarebbe meglio non usarne più di tre tipi diversi, in modo che il testo non risulti privo di ordine ed omogeneità, d’altronde l’osservazione insegna: nella stampa di libri osserveremo lo stesso carattere per tutto il libro, tutt’al più lo troveremo più grande ad indicare i capitoli

5. Linee di testo troppo lunghe
Quando la riga è lunga il lettore può riscontrare dei problemi nel seguire il testo e nel passare alla riga successiva. Si consiglia quindi di utilizzare una 70ina di caratteri a riga.

6. Contrasto insufficiente
Va fatta attenzione che il colore dei caratteri e quello dello sfondo siano sufficientemente contrastanti.

7. Centrare il testo
Soprattutto i più inesperti tendono a formattare il testo in modo che sia centrale, in realtà questo non aiuta la lettura ed andrebbe evitato.